LIBRIDINE p.4- Alice Sforza, “La poesia è grunge”. Incontro con la 3D, Scuola Media “L.Signorelli”, Orvieto

ALICE SFORZA, “La poesia è grunge”

Incontro con gli studenti della 3D,

Scuola Media “L.Signorelli” di Orvieto

22 febbraio 2018 

 ASCOLTA

SCARICA

 

 

immagine56

La poesia è viva e lotta con noi: è questo che emerge dalla lettura di “La poesia è grunge” (96 Rue de la Fontaine Edizioni), opera prima dell’orvietana Alice Sforza. Un libro che è un piccolo gioiello tutto da leggere, poesie come graffi dell’anima, come tempo che si abbranca, come cosa ci faccio qui, come sto, come state?

Un momento della preparazione

Un momento della preparazione

L’occasione per parlare di questa raccolta è davvero particolare: una classe di terza media, nella fattispecie la 3D della Scuola Media “L.Signorelli” di Orvieto, che compie un percorso di tre settimane nella poesia contemporanea, immergendosi nelle poesie di Alice. Dopo averle avute in dono dalla sorte, ogni ragazzo e ragazza le ha poi lette, più volte, ad alta voce, camminando e facendole entrare in sé, per poi declamarle in classe, parlarne, provare a usarle come scandaglio del cuore. E poi, a chiusura, l’incontro con l’autrice: tante domande da fare, tante considerazioni, osservazioni, curiosità. Voglio di sapere, capire.

img_20180222_111003

Qua, e sotto, alcuni momenti dell’incontro tra Alice Sforza e i ragazzi della 3D

img_20180222_111013

Insomma, quella che state per ascoltare è la registrazione di questo incontro avvenuto il 22 febbraio, a scuola, tra una poetessa emozionata di trovarsi a parlare del suo mondo poetico con dei giovanissimi lettori e un gruppo fantastico di ragazzi che, con la loro intelligenza e sensibilità, hanno trasformato una normale giornata di scuola in qualcosa da ricordare e portare con sé.

img_20180222_111028

img_20180222_111039

Share : facebooktwittergoogle plus

LIBRIDINE, p.3- LA ROMA DI PASOLINI

#

LIBRIDINE, p.3- 23 FEBBRAIO ’18

LA ROMA DI PASOLINI 

Incontro con l’autore Dario Pontuale

Orvieto, “Ciclostile”, 16 febbraio 2018

a cura di Andrea Caponeri

SCARICA

Un momento dell'incontro

Un momento dell’incontro

Di Pasolini, ed è una banalità, si avverte ogni anno di più la mancanza, giacché Pasolini, uomo senza padri, ha lasciato molti orfani.

E’ con gratitudine quindi che accogliamo ogni occasione per potercelo riportare a mente, rimasticarlo, accoglierlo, contestarlo, il buon PPP.

Una di queste occasioni è stata quella di pochi giorni fa, in quel luogo incantato e produttivo (l’ossimoro è solo apparente) che è il Ciclostile. L’hanno messa in piedi l’impagabile Gianluca Fioravanti della Libreria Antiquaria e dell’usato “Arcimboldo” e il Circolo Cinematografico ARCI “Armata Brancaleone” di Orvieto, che hanno presentato “La Roma di Pasolini- Dizionario urbano” (Nova Delphi Libri), il nuovo lavoro di Dario Pontuale, critico letterario che associa la grande competenza culturale con la rara capacità di comunicarla con passione, come fosse un amico che ti parla di un libro o di un autore che ama. Ed eccoci quindi, guidati dalla sue parole, anche noi a calcare le strade terrose delle periferie romane, dove Pasolini trovava quel sottoproletariato da lui tanto amato, e poi la Roma della cultura, e quella del potere. Insomma, la vicenda artistica, culturale e umana di Pier Paolo Pasolini vista attraverso l’occhio della sua città, quella in cui visse 25 anni di una vita straordinaria e difficile

"La Roma di Pasolini", di Dario Pontuale

“La Roma di Pasolini”, di Dario Pontuale

L’incontro (di cui potete leggere QUI un bel resoconto, da cui abbiamo tratto anche le foto, ad opera dell’amico Valentino Saccà) a cui ha partecipato anche la critica Cristina Ubaldini, è stato moderato da Luciano Costantini del Circolo Cinematografico ARCI “Armata Brancaleone” di Orvieto.

Buon ascolto!

27867090_2052193691724408_1202515237912453841_n

Share : facebooktwittergoogle plus