DA OGGI RIPARTE RADIO ORVIETO WEB: AL VIA LA STAGIONE XI!

Il logo dell'11a stagione, opera mirabile del Maestro Alessandro Gialletti

Il logo dell’11a stagione, opera mirabile del Maestro Alessandro Gialletti

L’Associazione Culturale Radio Orvieto Web, dopo il successo delle sue iniziative all’aperto, poste all’inizio e alla fine dell’estate (“L’importante è finire”, “Piazza, bella piazza” e la “Festa di Santa Perduta”) comunica che lunedì 16 ottobre darà il via alla XI Stagione di Radio Orvieto Web, storica emittente orvietana che, tra qualche mese, compirà i suoi primi 10 anni.

Tra le trasmissioni già rodate che torneranno di nuovo a invadere il web, ci sono “Libridine”, lo spazio culturale dedicato ai libri (si comincia riproponendo l’incontro con Giovanni Impastato, fratello di Peppino, in occasione dell’uscita del suo ultimo lavoro), “Arrivano gli Sprassolati!”, trasmissione rivolta alla musica italiana d’autore e di qualità di ieri e di oggi, “Discopatie”, che indaga ogni settimana un disco cardine della storia del rock e dell’elettronica, “La Città Sonora”, che ripropone in esclusiva concerti che hanno avuto luogo nel nostro comprensorio, ed altre ancora in via di definizione, tra cui un’incandescente trasmissione dedicata alla musica reggae.

Ma ancor di più ci piace segnalare le nuove trasmissioni che faranno sicuramente parlare di sè in questa stagione radiofonica, anche per l’importanza sociale che rivestono. Parliamo di “A viva voce”, registrata all’interno della casa di riposo di San Giorgio, una trasmissione in cui i protagonisti saranno i nostri anziani, le loro memorie, le loro storie da non dimenticare. E poi “Aprite le città!”, una trasmissione nata con l’ONG Tamat (nell’ambito del Progetto Umbria Mi.Co.) in collaborazione con il Comune di Orvieto, incentrata sulle storie di vita che verranno raccontate ai microfoni di R.O.W. da soggetti migranti di antico e nuovo insediamento, perlopiù nell’ambito del comprensorio orvietano. Riflessioni, ricordi, speranze, difficoltà, emozioni: tutto ciò, stimolato dalla conduzione dialogica degli speakers, sarà il centro nevralgico della trasmissione. Una trasmissione che riteniamo, specialmente di questi tempi, necessaria, anche per fare un po’ di luce su tante false o cattive informazioni che circolano sui mass media.

Tutte le trasmissioni saranno via via disponibili per il download in podcast direttamente dal sito www.radiorvietoweb.it.

Radio Orvieto Web invita tutti coloro che hanno voglia di fare radio e provare a condurre una trasmissione a scrivere a info@radiorvietoweb.it o a telefonare al 347/0840459.

Musica, libri, cinema, informazione, associazionismo…. Tutto il meglio della vita, in una sola radio.

 

Radio Orvieto Web è una radio comunitaria, senza scopo di lucro,

un progetto dell’ Ass. Cult. “Radio Orvieto Web” 

Share : facebooktwittergoogle plus

PRESENTATA “APRITE LE CITTA’! ALLA FESTA DI SANTA PERDUTA

#

 

Il logo della trasmissione, opera di giada Ziruffo

Il logo della trasmissione, opera di giada Ziruffo

Come vi anticipavamo nel post precedente (potete leggerlo qua sotto), “Aprite le città” è stata presentata nell’ambito della Festa di Santa Perduta.

Al seguente link potete ascoltare la presentazione fatta da Andrea Caponeri (R.O.W.) e Colomba Damiani (Tamat):

http://www.mediafire.com/file/iu2xb16b3c0c77v/Presentazione_Aprite_le_citta%CC%80.mp3

COSA E’ “APRITE LE CITTA’”?

“Aprite le città” (che prende il nome da una stupenda canzone di Nada, che poi ne è anche la sigla) è una trasmissione radiofonica di Radio Orvieto Web incentrata sulle storie di vita che verranno raccontate ai nostri microfoni da soggetti migranti di antico e nuovo insediamento, perlopiù nell’ambito del comprensorio orvietano. Riflessioni, ricordi, speranze, difficoltà, emozioni: tutto ciò, stimolato dalla conduzione dialogica dei nostri speakers, sarà il centro nevralgico della trasmissione. Ospiteremo nuovi e vecchi migranti,  ma anche imprenditori di origine extracomunitaria, modelli positivi di come i migranti possano integrarsi anche nel tessuto economico e commerciale di una comunità.

Inoltre, cercheremo di fare “buona informazione”, smascherando, dati alla mano, tutto quel (purtroppo) vasto mondo fatto di fake news  e manipolazioni varie, responsabili di molti degli attuali pregiudizi.

La trasmissione, dando voce ai migranti, intende svelare l’umanità e i vissuti che stanno dietro al fenomeno dell’immigrazione, un fenomeno che normalmente i mezzi di comunicazione tendono a “massificare”, se non a mistificare. Crediamo che il racconto dalla viva voce di chi, per gravi problemi politici, sociali e/o economici, ha fatto la difficile scelta di lasciare la propria terra, possa contribuire a una visione più ampia di un fenomeno che oggi è da molti visto esclusivamente come problema e non, come dovrebbe, come risorsa, stimolo al confronto, alla messa in discussione dei nostri modelli identitari e culturali, invito alla solidarietà attiva e civile.

Le parole verranno inframezzate da musiche legate ai paesi di provenienza dell’ospite della trasmissione, o dal concerto che si svolgerà durante la Festa di Santa Perduta, all’interno della quale presenteremo la nostra trasmissione, in onda da ottobre in streaming e podcast sulla nostra emittente.

Ogni mese faremo chiarezza sui caratteri generali del fenomeno, combattendo le varie forme di razzismo, in gran parte frutto di ignoranza e falsa informazione.

“Aprite le città” è un’iniziativa all’interno del progetto “Umbria Mondo in Comune” promosso dalla ONG Tamat e finanziato da AICS (Agenzia Italiana per la Cooperazione e lo Sviluppo)

Share : facebooktwittergoogle plus

“APRITE LE CITTA”- La nuova trasmissione di R.O.W. sarà presentata nell’ambito della Festa di Santa Perduta

APRITE LE CITTA’!

Una trasmissione ideata e condotta da

Andrea Caponeri, Giacomo Mencarelli, Tiziana Rastelli e Alessandra Talamoni nell’ambito del Progetto Tamat “Umbria Mondo in Comune”, cofinanziato da AICS (Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo)

Santa Perduta_70x100_print_1cm abb x lato

“Aprite le città” (che prende il nome da una stupenda canzone di Nada, che poi ne è anche la sigla) è una trasmissione radiofonica di Radio Orvieto Web incentrata sulle storie di vita che verranno raccontate ai nostri microfoni da soggetti migranti di antico e nuovo insediamento, perlopiù nell’ambito del comprensorio orvietano. Riflessioni, ricordi, speranze, difficoltà, emozioni: tutto ciò, stimolato dalla conduzione dialogica dei nostri speakers, sarà il centro nevralgico della trasmissione. Ospiteremo nuovi e vecchi migranti,  ma anche imprenditori di origine extracomunitaria, modelli positivi di come i migranti possano integrarsi anche nel tessuto economico e commerciale di una comunità.

Inoltre, cercheremo di fare “buona informazione”, smascherando, dati alla mano, tutto quel (purtroppo) vasto mondo fatto di fake news  e manipolazioni varie, responsabili di molti degli attuali pregiudizi.

La trasmissione, dando voce ai migranti, intende svelare l’umanità e i vissuti che stanno dietro al fenomeno dell’immigrazione, un fenomeno che normalmente i mezzi di comunicazione tendono a “massificare”, se non a mistificare. Crediamo che il racconto dalla viva voce di chi, per gravi problemi politici, sociali e/o economici, ha fatto la difficile scelta di lasciare la propria terra, possa contribuire a una visione più ampia di un fenomeno che oggi è da molti visto esclusivamente come problema e non, come dovrebbe, come risorsa, stimolo al confronto, alla messa in discussione dei nostri modelli identitari e culturali, invito alla solidarietà attiva e civile.

Le parole verranno inframezzate da musiche legate ai paesi di provenienza dell’ospite della trasmissione, o dal concerto che si svolgerà durante la Festa di Santa Perduta, all’interno della quale presenteremo la nostra trasmissione, in onda da ottobre in streaming e podcast sulla nostra emittente.

Ogni mese faremo chiarezza sui caratteri generali del fenomeno, combattendo le varie forme di razzismo, in gran parte frutto di ignoranza e falsa informazione.

logo-trasmissione-lida

 

STAY TUNED!!!!

 

 

Share : facebooktwittergoogle plus

LA CITTA’ SONORA p.7- BLACK EYED DOG live @Magazzino delle Idee

PUNTATA 7- 15 maggio ‘17

BLACK EYED DOG

Live a Orvieto, Il Magazzino delle Idee, 7 ottobre 2011

SCARICA

www.mediafire.com/file/q9zx76747ay6nxq/LA_CITTA%27_SONORA-_Black_Eyed_Dog.mp3

black-eyed-dog-foto-1black-eyed-dog-foto-1

Black Eyed Dog è la creatura musicale di Fabio Parrinello, chitarrista e autore inquieto che dopo aver girato tra Europa e Stati Uniti, di ritorno dall’Inghilterra decide a metà anni Zero di dar vita a questo progetto in cui un blues malato e oscuro si sporca ancor più con i feedback dell’indie, in un magma sonoro in cui, qua e là, spunta un malinconico piano. Il nome, preso da un pezzo di Nick Drake, allude appunto a un che di oscuro, a recessi che forse sarebbe meglio non toccare.

Il banner pubblicitario del tour che toccò Orvieto, in quarta di copertina del Mucchio

Il banner pubblicitario del tour che toccò Orvieto, in quarta di copertina del Mucchio

Il concerto che vi proponiamo (che vede come special guest il sapiente violino del “nostro” Lawrence Cocchiara), custodito gelosamente per qualche anno, proviene dal palco del primo glorioso Magazzino delle Idee (ce ne sarà un secondo, altrettanto glorioso). Era il 2011, e Black Eyed Dog era già da qualche tempo una delle “new thing” più eccitanti in circolazione: avevano già dato alle stampe due album acclamati dalla critica, e poco dopo sarebbe uscito “Too Many Late Nights”, con la stessa formazione all’opera nel live che state per ascoltare: un concerto davvero unico, dal forte impatto emotivo, in cui Nick Cave, Diamanda Galas e Tim Buckley sembrano darsi appuntamento.

A intervallare il tutto, l’intervista che la nostra intrepida Tiziana Rastelli (a cui va il nostro sempiterno grazie) fece al gruppo, prima dell’esibizione

Formazione:

Fabio Parrinello- piano, mandolino e voce

Alessandro Falzone- batteria, piano

Anna Balestrieri- voce, chitarra diamonica batteria cigar box e voce

Special guest- Lawrence Cocchiara

 

Share : facebooktwittergoogle plus

SPOSTATA LA LOCATION DEL CONCERTO DEI TETES DE BOIS DI DOMANI

COMUNICAZIONE UFFICIALE- A causa del previsto maltempo , il concerto dei Tetes de bois di domani, domenica 18 settembre, si terrà al TEATRO DEL CARMINE, via Loggia de’ Mercanti, Orvieto. L’ora è sempre la stessa: 18.30. Siate puntuali, per favore.

Inoltre, molti ci hanno chiesto se si doveva portare qualcosa. Ringraziamo tutti, ma questo concerto non vuole essere un recupero della Festa di Santa Perduta. E’ solo un modo per stare insieme, ricordare degli amici sfortunati (ma ricordarli da vivi, nella loro allegria), e di raccogliere altri fondi per chi è stato duramente colpito dal sisma. Quindi portate i vostri cuori e i vostri portafogli. Serviranno entrambi.

locandina web

Share : facebooktwittergoogle plus


1 2 3 8