ARRIVANO GLI SPRASSOLATI!, p.20 (il podcast!)

#

PUNTATA 20- 29 maggio ‘17

in studio Andrea Kappa Caponeri

Le ultime puntate della stagione sono per forza di cose sempre un po’ caotiche: troppe cose che stanno uscendo e che vorresti passare finché sono fresche, nonostante ormai lo spazio si assottigli, ma anche troppi pezzi che da settimane tieni lì nel serraglio della playlist e che sgomitano per trovare finalmente la luce della messa in onda.

Una volta messe le mani avanti, ecco a voi una puntata da leccarsi baffi e sopracciglia, tra novità di gran levatura come un Alessio Lega mai così politico e così pop (ossimoro, dite? Bah, una volta non lo era mica), e poi Diego Mancino con la sua ormai “classica” canzone estiva che cesella in ogni album, una Mara Redeghieri che ad anni dallo scioglimento degli Ustmamò torna con il suo primo vero album solista (a un primo ascolto è già una meraviglia) e un Francesco Rainero che con l’aiuto di Grazia Di Michele rincara ci regala tocchi di classe. Spazio poi ad alcuni recuperi dagli armadi nascosti della canzone italiana, come la suggestiva “Ondina” di Carlo Siliotto e la sottovalutata e misconosciuta Marivana che nel 1983 incise un pezzo che potevano tranquillamente eseguire i Litfiba dell’epoca (sulla rivalutazione di Marivana il buon Kappa ha scritto un articolo che potete trovare QUI).

La copertina del disco della settimana: il ritorno di Claudio Lolli

La copertina del disco della settimana: il ritorno di Claudio Lolli

Su tutto, però, consentiteci, c’è il ritorno in grande stile di Claudio Lolli che con “Il grande freddo”, primo album di inediti da 11 anni in qua, torna su livelli che erano trent’anni che doveva ritrovare.

Mica cippa.

 

Claudio Lolli con i vecchi sodali Danilo Tomasetta e  Roberto Soldati, di nuovo al suo fianco

Claudio Lolli con i vecchi sodali Danilo Tomasetta e Roberto Soldati, di nuovo al suo fianco

 

SCALETTA:

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

SUCCEDE D’ESTATE- Diego Mancino

AMBARADAN- Alessio Lega

IL GRANDE FREDDO- Claudio Lolli (Rubrica “Gradische le dische?”)

LA FOTOGRAFIA SPORTIVA- Claudio Lolli (Rubrica “Gradische le dische?”)

ONDINA- Carlo Siliotto

UNA STORIA SBAGLIATA- F. De Andrè vs. THE BALLAD OD THE ABSENT MARE- L. Cohen (Rubrica “Cover the rainbow”)

AUGH- Mara Redeghieri

FILASTROCCA- Marivana

OGNI VOLTA- Paul Anka

E’ VOLATO VIA LUGLIO- Francesco Rainero feat. Grazia Di Michele

Share : facebooktwittergoogle plus

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI! p.15- SPECIALE LEONARD COHEN IN ITALIANO

#

 PUNTATA 15- 22 marzo ‘17

SPECIALE “COVER THE RAINBOW”:

LEONARD COHEN IN ITALIANO

in studio Andrea Kappa Caponeri

Era da poco uscito il suo ennesimo album straordinario, un disco pieno di presagi, a dir la verità, quando il 7 novembre 2016 è giunta la notizia della morte di Leonard Cohen, l’unico degno di affiancare Bob Dylan (da pochi giorni proclamato con scalpore Premio Nobel per la Letteratura) tra i grandissimi della canzone intesa come Arte.

Photo of Leonard Cohen

Il conduttore di questa trasmissione, anch’egli, come tanti, addolorato dalla scomparsa del grande songwriter canadese (che aveva avuto la fortuna di vedere dal vivo un paio di anni prima a Lucca), ha cominciato a rimuginare il modo giusto per omaggiarlo, e ha pensato di ricercare le versioni italiane delle sue canzoni: nella mente c’erano già, ovviamente quelle di De Andrè, una rilettura di De Gregori, qualcosa di Marco Ongaro, ma la successiva indagine (dischi e Cd spulciati, cose in rete) ha davvero aperto un vaso di Pandora.

De Andrèjpg

Il primo passo è stato preparare un lungo articolo per il beneamato blog “Verso la Stratosfera” (lo trovate qui), in un post (con relativo link per il download) che ha visto anche la partecipazione di altri collaboratori. Il secondo è stato ricordarlo su “Arnolfo”, il bel free-magazine di arte e cultura dell’orvietano, il terzo è appunto questa trasmissione in cui facciamo ascoltare molte delle riletture di Cohen che nel tempo sono state approntate dai suoi estimatori, nomi come lo stesso De Andrè, De Gregori, Locasciulli, Lalli, Marco Ongaro, Luigi Grechi, Giorgio Lo Cascio, Cisco, Le Luci della centrale elettrica, Mia Martini ed altri. Insomma, una bella rassegna che, tra alti e bassi, testimonia la devozione che in Italia ha circondato da inizio anni ’70 ad oggi l’autore di Suzanne, Halleluja, Joan of Arc, Famous Blue raincoat e altre decine di capolavori assoluti in cui poesia e musica diventano finalmente una cosa sola.

Daiano cover

 

SCARICA PARTE 1:

http://www.mediafire.com/file/61hhvy8b7fz838u/SPRASSOLATI_STAG.10%2C%2Cp.15_%28pt.1%29_-_Speciale_L.Cohen_in_italiano.mp3

SCARICA PARTE 2:

http://www.mediafire.com/file/qhhvdfi89bv5ct5/SPRASSOLATI%2C_STAG.10%2C_p.15_%28pt.2%29-_Speciale_L.Cohen_in_italiano.mp3

 

SCALETTA PARTE 1:

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

A PRESTO, MARIANNE (So long, Marianne)-  Francesco De Gregori & Giorgio Lo Cascio live al Folkstudio, 24/1/1970

UN LETTO COME UN ALTRO (Tonight Will Be Fine) Francesco De Gregori & Giorgio Lo Cascio live al Folkstudio, 24/1/1970

LA BALLATA DI GIOVANNA D’ARCO – Kamsin (parte, 1971)

GIOVANNA D’ARCO (Joan of Arc)-Fabrizio De Andrè  (versione 45 giri, 1972)

IL PARTIGIANO (The partisan)- Daiano (1974)

NANCY (Seems so long ago, Nancy)- Fabrizio De Andrè (1975)

LA REGOLA D’ORO (One of us cannot be wrong) – Luigi Grechi (1979)

 

SCALETTA PARTE 2:

SUZANNE (id)- Mia Martini (live ’83)

NON PORTATELO A CASA SE E’ DURO (Don’t go home with your hand-on)- Marco Ongaro (1995)

FAMOUS BLUE RAINCOAT (id.)- LALLI (1998)

IL FUTURO (The Future)- Mimmo Locasciulli (1998)

SHREK ALLELUJAH (Halleluja)- Francesco Baccini (parte, Rubrica “Luci e ombre”, 2003)

DIAMONDS IN THE MINE (id)- Le Luci della Centrale Elettrica (2009)

SISTER OF MERCY- Cisco (2016)

ALLELUJA (Halleluja)- Marco Ongaro (2016)

Share : facebooktwittergoogle plus

PUNTATA 1- 18 novembre ‘16

in studio Andrea Kappa Caponeri e GianMarco Giaccio Fusari

Dalla spiaggia di Cala Violina, da cui vi avevamo salutato a luglio, a questo strano novembre, di cose ne sono successe, cari amici, ma ora eccoci qua, pronti a ripartire per quella che si preannuncia come la Decima Stagione della nostra amata Radio Orvieto Web e di conseguenza anche di questa trasmissione, che già dalla primissima stagione, ne è un roccioso bastione. E quale migliore inizio che riportare ai nostri microfoni il magnanimo GianMarco “Giaccio” Fusari, che insieme al buon Kappa proprio nell’aprile 2008 dette vita ad “Arrivano gli Sprassolati”?

Il disco della settimana

Il disco della settimana

E quindi eccoci qua, a riprendere confidenza con microfoni, mixer, settaggi vari, e a buttare là in una pazza centrifuga il meglio e talvolta il peggio della musica italiana, a cominciare dal doveroso omaggio a Leonard Cohen, da pochi giorni scomparso. Ma sarebbe un peccato non citare il gioiello melodico degli insospettabili Gatti di Vicolo Miracoli, o il bel disco della settimana firmato dai Zen Circus, così come ci piace segnalare il “ritorno” di un vecchio (neanche tanto, poi) e meraviglioso pezzo di Nada. Tra tutto questo il Magnanimo Giaccio ha ben pensato di sparigliare le carte, imponendo d’autorità il nuovo sottofondo-Killer, un ritratto di Parigi per nulla giocato sui chichè (d’altra parte la coppia Al Bano-Romina, è una garanzia in tal senso), nonché un reperto dal proprio personale baule degli orrori. Ascoltate con prudenza e non fatelo a casa da soli.

SCARICA

http://www.mediafire.com/file/1fc0ohsip4dj231/SPRASSOLATI%2C_STAG.10%2Cp.01_con_G.Fusari.mp3

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

COLONNELLO MUSCH- Colonnello Musch

NANCY- Fabrizio De Andrè (Rubrica “Cover the rainbow”, da L.Cohen)

VERONA BEAT- I Gatti di Vicolo Miracoli

LILI’ MARLENE- Baustelle

LA MUSA AVVINAZZATA- GianMarco Giaccio Fusari (demo giovanile)

LA TERZA GUERRA MONDIALE- Zen Circus (Rubrica “Gradische le dische?”)

NON VOGLIO BALLARE- Zen Circus (Rubrica “Gradische le dische?”)

PARIGI E’ BELLA COM’E’- Al Bano e Romina Power

SENZA UN PERCHE’- Nada

POMERIGGIO ZENZERO- Paolo Conte

UNA GITA SUL PO- Gerardo Carmine Gargiulo (sigla finale)

Lo straordinario video di Al Bano e Romina, che all’epoca fece invidia a “Thriller” di Micheal Jackson

 

Share : facebooktwittergoogle plus

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI!, STAG4,p.11

PUNTATA 11- 8 febbraio 2011

in studio Andrea Caponeri e GianMarco Fusari

Ed eccoli i nostri due, da soli in studio come non capitava da mesi, con un Giaccio che aveva sprecato, invano, 15 Moment per tenere a bada un mal di testa che non ammetteva repliche. Ma come il fanciullo spartano che preferì farsi sbranare dal lupo, piuttosto che disturbare il rito religioso, il Giaccio strinse i denti e scagliò la testa oltre l’ostacolo, elogiando l’ultimo Jovanotti e puntando tutto sui figli di Ivan Graziani che ripropongono il repertorio del padre. Il Kappa risponde con un tris di donne recuperando un’ottima Angela Baraldi (splendido “Mi ami o no?” il suo disco del ’93), una intensa Lalli alle prese con una cover di Cohen (in concorrenza con un precedente firmato De Andrè-Vanoni) e un attesissimo quizzone che proponeva di individuare una famosa cantante misteriosa, che però nessuno in chat è riuscito ad individuare. La sfida fu rimandata alla settimana seguente.

ASCOLTA e SCARICA (con il tasto destro)

SCARICA

http://www.mediafire.com/?jif74a4xl9t34at (NEW LINK)

 

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

GUARDA L’ALBA- Carmen Consoli

LE TASCHE PIENE DI SASSI– Jovanotti (Rubrica “Gradische le dische?”)

QUANDO SARO’ VECCHIO- Jovanotti (Rubrica “Gradische le dische?”)

FAMOUS BLUE RAINCOAT- Lalli da L.Cohen (Rubrica “Cover the rainbow”)

UN UOMO- Viaggi e intemperie, cover di I.Graziani

IL QUIZZONE La cantante da individuare

A PIEDI NUDI- Angela Baraldi

UNA GITA SUL PO- Gerardo Carmine Gargiulo (sigla finale)

Share : facebooktwittergoogle plus