LA CITTA’ SONORA, p.1- LUCIO CORSI live a Siena (23 agosto’17)

LUCIO CORSI live a Siena,

Cortile del Podestà, 23 agosto 2017

E’ con piacere che diamo inizio alla nuova stagione di “La città sonora”, il nostro personalissimo archivio sonoro in cui catturiamo, proponiamo e conserviamo frammenti di bellezza in forma di musica dal vivo che ha avuto luogo nel nostro comprensorio.

La locandina del concerto

La locandina del concerto

E apriamo davvero alla grande, con un concerto esclusivo di uno degli artisti emergenti che più ci hanno impressionato in questi ultimi tempi, quel Lucio Corsi autore di due EP e, recentemente, di un album, “Bestiario musicale”,  che è una vera gemma (e non a caso se ne sono accorti anche i Baustelle che gli hanno chiesto di aprire alcuni loro concerti).

Lucio Corsi, maremmano di Vetulonia, è davvero un artista unico, molto legato ai suoi luoghi e ai suoi simboli, riletti con una poetica lunare e surreale.

Lucio Corsi on stage (foto di Eleonora Birardi)

Lucio Corsi on stage (foto di Eleonora Birardi)

Lo abbiamo colto, esulando per una volta dal nostro territorio,  in suo concerto a Siena al Cortile del Podestà. Era lo scorso agosto, e Lucio, voce & chitarra, ha incantato il pubblico proponendo numerosi inediti (che su richiesta dell’artista abbiamo omesso, riservandoci di lasciare quelli già presenti su YouTube) in una coraggiosa concezione del concerto come momento vivo e mutevole.

Non ci siamo sfuggiti l’occasione di farci due chiacchiere, che potete ascoltare qua e là tra le diversi parti del concerto.

Insomma, non ci resta che darvi ancora il benvenuto a La Città Sonora, e ringraziare di cuore Lucio Corsi che ci ha consentito di registrare la serata e di proporla attraverso la nostra Radio.

SCARICA:

https://www.mediafire.com/file/gngay57slcrsdgf/LA%20CITTA%27%20SONORA%2C%20p.1-%20Lucio%20Corsi.mp3

ASCOLTA:

SCALETTA:

La civetta (versione in studio, dall’album “Bestiario musicale”)

Altalena boy

Soren

Migrazione generale  dalle campagne alle città

La lepre

L’upupa

Il tuffatore (cover da  Flavio Giurato)

Blu

Le onde

Il cinghiale (versione in studio, dall’album “Bestiario musicale”)

 

 

Share : facebooktwittergoogle plus

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI! p.13 (il Podcast!!)

PUNTATA 13- 10 marzo ‘17

in studio Andrea Kappa Caponeri

E insomma, la settimana dello “sciopero” delle donne non potevamo lasciarla passare così, sicché abbiamo chiesto un editoriale a Margot, storica voce dei Cantacronache, che qua salutiamo da lontano augurandole di rimettersi presto.

La copertina di "Bestiario musicale", lo stupefacente disco della settimana ad opera di Lucio Corsi

La copertina di “Bestiario musicale”, lo stupefacente disco della settimana ad opera di Lucio Corsi

 

Tra le varie novità succose e succulenti in qualche modo legate ai Sanremi presenti e passati (Maldestro e Renzo Rubino), non potevamo certo non addentrarci in quella favolosa macchia maremmana che è il “Bestiario musicale” di Lucio Corsi, un cantautore emergente con una sua poetica stralunata e una veste musicale naif e complessa allo stesso tempo. Una vera folgorazione.

E poi un curioso e riuscitissimo ripescaggio in chiave rock di un vecchio pezzo di Vecchioni, un lato B dignitosissimo dell’Equipe 84 e un buon vecchio Venditti a chiudere il tutto. Alè!

SCARICA:

http://www.mediafire.com/file/ihsp5mn05w5r0ia/SPRASSOLATI%2C_STAG.10%2C_p.13.mp3

 

SCALETTA:

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

LE NOSTRE DOMANDE- Margot (Rubrica “L’Editoriale”)

LA LA LA – Renzo Rubino

LA CIVETTA- Lucio Corsi (Rubrica “Gradische le dische?”)

L’UPOPA- Lucio Corsi (Rubrica “Gradische le dische?”)

IL CINGHIALE- Lucio Corsi (Rubrica “Gradische le dische?”)

L’ULTIMO SPETTACOLO- Christadoro (Rubrica “Sulle spalle dei giganti”)

CANZONE PER FEDERICA- Maldestro

DIO C’E’- Mia Martini

MEGLIO- Equipe 84

LE COSE DELLA VITA- Antonello Venditti

Share : facebooktwittergoogle plus

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI! p.12 (il podcast!)

PUNTATA 12- 28 febbraio ‘17

in studio Andrea Kappa Caponeri

ENZO CARELLA (1952-2017)

ENZO CARELLA (1952-2017)

Non più tardi di un mese fa avevamo dedicato a quel genio irregolare e isolato di Enzo Carella un nostro corposo approfondimento. Non immaginavamo certo che poche settimane dopo avremmo dovuto dolorosamente ricordarlo ancora. Il 21 febbraio, a 67 anni è morto Enzo Carella, autore tra fine anni ’70 e inizio anni ’80 di dischi bizzarri e originali, davvero fuori da ogni solco consueto. La sua scomparsa è passata abbastanza in sordina sui grandi mezzi di comunicazione, e non ce ne stupiamo. Con Pasquale Panella, poi futuro autore di Lucio Battisti, formò una coppia di geni guastatori della musica italiana: se Pasquale cominciava a minarne la parte testuale con un uso funambolico della lingua, tesa a reinventare un nuovo mondo in cui i legami sintattici e di senso erano a poco a poco annullati, Enzo rivestiva questi testi inusitati (che ancora dieci anni dopo faranno scandalo) con una musica mignotta che impastava su tutto: funky, rithm ‘n’ blues, afrori latini, new wave, dance. Passato il breve attimo di notorietà di “Barbara” (seconda a Sanremo ’79) Carella continuò a sfornare opere insolite, via via con sempre minori riscontri, fino a lunghi periodi di silenzio. Enzo Carella, un grande.

In colpevolissimo ritardo, il nostro disco della settimana (ma anche del 2016)

In colpevolissimo ritardo, il nostro disco della settimana (ma anche del 2016)

 

Sempre in tema di talentacci, la puntata odierna ne abbonda, da Lucio Corsi, cantautore bucolico-surreale giunto al suo primo lavoro sulla lunga distanza (apre il tour dei Baustelle: ne sentiremo parlare) ad Amerigo Verardi, deus ex-machina del nostro migliore indie fin dai mitici Allison Run a fine anni ’80 (il suo nuovo “Hippie Dixit” è un viaggione lisergico che vi ammalierà). E che dire di Nada, signora assoluta della canzone italiana da quasi cinquant’anni, capace di sfornare ancora lavori mirabili e contemporanei come lo splendido “L’amore devi seguirlo”, nostro disco della settimana (sebbene uscito diversi mesi fa: mea culpa)?

E ancora il ritorno dei gloriosi Mau Mau e degli ancora più gloriosi NCCP che festeggiano i 50 anni di attività con un doppio album pieno di ospiti e amici.

Buon ascolto.

SCARICA:

http://www.mediafire.com/file/07d5hn553hfcwi1/ARRIVANO_GLI_SPRASSOLATI%21_STAG.10%2C_p.12.mp3

SCALETTA:

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

BALANZONE- Alberto Camerini (Rubrica “L’Editoriale”)

LA LEPRE- Lucio Corsi

VOCAZIONE- Enzo Carella

MIRAMARE- Mau Mau

APRITE LE CITTA’- Nada (Rubrica “Gradische le dische?”)

LA CANZONE DELL’AMORE- Nada (Rubrica “Gradische le dische?”)

IN GALERA LE PANETTIERE- Nuova Compagnia di Canto Popolare con Marco Sfogli, PFM, Tullio De Piscopo e Lino Vairetti

BRINDISI AI TERMINALI DELLA VIA APPIA- Amerigo Verardi

LA PRIMA COSA BELLA- Luca Barbarossa & Malika Ayane (Rubrica “Sulle spalle dei giganti”)

Share : facebooktwittergoogle plus