ARRIVANO GLI SPRASSOLATI! p.11- SPECIALE SANREMO 2017 (il podcast!)

PUNTATA 11- 17 febbraio ‘17

SPECIALE SANREMO 2017

in studio Andrea Kappa Caponeri con Ospiti Grati

Alessandra Carnevali e Lorenzo Grasso

797781

E’ una gloriosa tradizione sprassolata mettere in piedi, chiuse le porte dell’Ariston, uno specialone sul Festival, commentato con allegria e leggerezza e una buona dose di ironia (e come ne vuoi parlare, se no?) con Alessandra Carnevali, storica blogger da sempre legata al Festival, ma anche autrice e scrittrice di successo (è uscito da qualche mese per Newton Compton la prima indagine di Adalgisa, l’improbabile eroina del romanzo “Un improbabile caso per l’ispettore Caligaris”). Ma quest’anno, anche per sparigliare un po’ le carte in tavola, abbiamo voluto con noi anche Lorenzo Grasso, amico e storico speaker della nostra Radio, che non si è mai vergognato di seguire con interesse il Festivalone (come noi, d’altronde).

Francesco Gabbani, vincitore di questa edizione

Francesco Gabbani, vincitore di questa edizione

Sicché eccoci a sproloquiare, a incoronare e ad affossare i protagonisti di questo carrozzone che ogni tanto, per sbaglio o per caso, sforna qualche bel pezzo. Non potevamo però che cominciare con un omaggio subliminale al Maestro Giusto Pio, braccio destro musicale del Battiato degli anni d’oro, recentemente scomparso.

E allora, che siate dei sanremologi o degli haters, accomodatevi pure in questo specialone a tre voci.

SCARICA:

http://www.mediafire.com/file/2l9p4jhj001v7z9/Sprassolati_p.11_Speciale_Sanremo_%2717.mp3

SCALETTA:

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

OCCIDENTALIS’ KARMA- Francesco Gabbani

LE CANZONI FANNO MALE- Marianne Mirage

FATTI BELLA PER TE- Paola Turci

IL QUIZZONE DI SANREMO!

IL DIARIO DEGLI ERRORI- Michele Bravi

Share : facebooktwittergoogle plus

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI! p.10 con un’intervista Marco Ongaro (il podcast!

PUNTATA 10- 10 febbraio ‘17

in studio Andrea Kappa Caponeri con un’intervista a

Marco Ongaro

Una delle cose più belle di condurre una trasmissione del genere è che puoi passare una mezz’ora in piacevolissima compagnia (purtroppo solo telefonica) con uno degli artisti che da 30 anni stimi di più: è il caso del veronese Marco Ongaro, cantautore amato dalla critica specializzata, ma forse  un po’ in ombra presso il grande pubblico (“parlandone da vivo”, chioserebbe il Maestro Max Manfredi), anche a causa di una carriera poliedrica che l’ha fatto bazzicare diverse forme espressive, dalla canzone al teatro, dall’opera lirica alla poesia e tante altre ancora. Ma ogni suo disco, per noi afeçionados, è un piccolo evento, e quindi va degnamente celebrato.

La copertina del singolarissimo disco della settimana

La copertina del singolarissimo disco della settimana

Se è vero che la puntata gira in buona parte attorno alle parole e alla musica di Ongaro, c’è stato però anche il tempo di ascoltare in apertura un brano a suo modo perfetto dei Tre Allegri Ragazzi Morti, di riscoprire quella figura singolare di cantautore-psichiatra che è Gianni Nebbiosi, di salutare il ritorno di Giorgio Laneve che rilegge la sua amata Barbara e infine, perla delle perle, una rarità assoluta che, crediamo, nessuna radio ha mai trasmesso ed è praticamente introvabile in rete: un inedito di Francesco Gregori tratto da una registrazione dal vivo al mitico Folkstudio nel 1970, un bootleg (ovviamente non autorizzato ufficialmente) che è un po’ il Santo Graal degli appassionati del Principe. Insomma, anche per questa volta vi abbiamo trattato con i guanti, ammettetelo.

De Gregori e Lo Cascio live al Folkstudio, 1970

La copertina del rarissimo bootleg di De Gregori e Lo Cascio live al Folkstudio, 1970

 

SCARICA:

http://www.mediafire.com/file/9ui52tz05055eug/SPRASSOLATI%2C_STAG.10%2C_p.10_con_M.Ongaro.mp3

 

SCALETTA:

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

I MIEI OCCHI BRILLANO- Tre Allegri Ragazzi Morti

ER VERNICIARO- Gianni Nebbiosi (Rubrica “Era un uomo così, ma con delle possibilità”)

ELENA- Marco Ongaro (Rubrica “Gradische le dische?”)

Intervista a Marco Ongaro

IL RAP DELLA COSTITUZIONE- Marco Ongaro (Rubrica “Gradische le dische?”)

ESSI VIVONO- Marco Ongaro (Rubrica “Gradische le dische?”)

IL MALE DI VIVERE- Giorgio Laneve (Rubrica “Cover the rainbow”, da Barbara)

BUONANOTTE NINA- Francesco De Gregori (inedito live al Folkstudio, 1970, Rubrica “Son fanatico, ma son simpatico!”)

Share : facebooktwittergoogle plus

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI! p.9- SPECIALE “SOLO UN DISCO CHE GIRA”, #2. (Il podcast!)

PUNTATA 9- 2 febbraio ‘17

Speciale Solo un disco che gira #2

in studio Andrea Kappa Caponeri

Per il buon Kappa c’è un appuntamento annuale irrinunciabile: quello con la Mostra Mercato del Disco di Arezzo, tradizionalmente collocata a fine gennaio. Dal 2016 il conduttore di questa trasmissione ha pensato bene di dar via a uno Speciale (la prima puntata qui: https://arrivanoglisprassolati.wordpress.com/2016/03/17/arrivano-gli-sprassolati-p-6/) che, sul filo più o meno casuale dei vinili accaparratosi in quel di Arezzo, butta giù una scaletta per forza di cose più vintage del solito, testimonianza sia di quelli che sono gli artisti-feticcio del suddetto conduttore (tanto da collezionarli, per quanto il suo stipendio di professore glielo consenta), sia degli acquisti dettati dal caso e dalla convenienza (a queste Fiere c’è un modo di cose notevoli a 2-3 euro).

Il protagonista della puntata!

Il protagonista della puntata!

 

Insomma, il vinile è vivo e lotta con noi, come testimoniano i lusinghieri dati di vendita (in UK è tornato sui livelli del ’91), le classifiche ufficlali ad esso dedicate e il successo di una rivista (“Vinile”, appunto) di grande spessore musicale e grafico.

Come ben sanno i cultori, il vinile è un supporto che si presta al racconto, ed ecco quindi spiegata la “puntatessa” di 1 ora e 45’: diciamo che la situazione ci è un po’ sfuggita di mano…

SCARICA:

http://www.mediafire.com/file/5n4l19tb8asriui/Sprassolati_p.9-_Speciale_Solo_un_disco_che_gira.mp3

SCALETTA:

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

PENTATHLON- Francesco de Gregori (dall’LP “MIRAMARE 19/4/’89”, 1989)

GENOVA PER NOI- Bruno Lauzi (dal 45gg. del 1975)

VIVI- Claudio Baglioni (da “OLTRE”, dall’Lp del 1990)

LA SEPOLTURA DEI MORTI- Stormy Six (dall’LP “UN BIGLIETTO DEL TRAM”, 1975)

I LUPI- Ivan Graziani (dal 45gg. del 1977)

AIMEZ- VOUS CHOPIN?- Roberto Vecchioni (dall’LP “IPPOPOTAMI”, 1986)

TRENO A VELA- Lucio Dalla (dall’LP “COME E’ PROFONDO IL MARE”, 1977)

BALLANDO- Mimmo Locasciulli (dall’LP “(ADESSO GLIELO DICO)”, 1989)

MA CHI HA DETTO CHE NON C’E’?- Gianfranco Manfredi (dall’LP “MA NON E’ UNA MALATTIA”, 1976)

MARY OH MARY. Bruno Lauzi (dal 45gg. del 1970)

PIAZZA DEGLI AFFARI- Stormy Six (dall’LP “AL VOLO”, 1982)

TAGLIA LA TESTA AL GALLO- Ivan Graziani (dal 45gg. del 1979)

Uno dei tesori del ricco bottino portato indietro da Arezzo

Uno dei tesori del ricco bottino portato indietro da Arezzo

Share : facebooktwittergoogle plus

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI!, p.8 (il podcast!)

 PUNTATA 8- 27 gennaio ‘17

in studio Andrea Kappa Caponeri

10762

A stretto giro di posta, arriva l’ottava puntata, e cadendo in un giorno speciale (la Giornata della Memoria), non poteva che aprirsi con una canzone che in qualche modo ricordasse l’inferno dei campi nazisti. Il meraviglioso e toccante “Canto dei deportati”, ripreso nel ’95 dai Rosso Maltese sta lì per questo. E poi abbiamo presentato quello che si delinea già come un possibile disco dell’anno (forse anche Targa Tenco per il miglior album, azzardiamo con notevole anticipo), vale a dire il nuovo lavoro di Brunori SAS. “A casa tutto bene” ha tutto per restare: spessore, pensiero, progetto, resa artistica, classicità e modernità allo stesso tempo.

Il disco della settimana

Il disco della settimana

Poi, cosa altro? Ah, la primissima versione di “Luci a San Siro” che, con titolo cambiato, altro testo (sempre di Vecchioni) e altro interprete, uscì qualche mese prima, e poi il ritorno del nostro approfondimento, questa volta dedicato a “Barbara e altri Carella”, un album splendido e sottovalutato di un artista sottovalutato e splendido.

 

ASCOLTA:

 

SCARICA:

http://www.mediafire.com/file/jw4bid9ls7olorr/SPRASSOLATI%2C_STAG.10%2Cp.08.mp3

SCALETTA

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

IL CANTO DEI DEPORTATI- Rosso Maltese (Rubrica L’Editoriale/Cover the rainbow)

FRASI DA DIMENTICARE- Daniele Silvestri

CANZONI CONTRO LA PAURA- Brunori SAS (Rubrica “Gradische le dische?”)

DON ABBONDIO- Brunori SAS (Rubrica “Gradische le dische?”)

IL VESTITO DEL TORERO- Brunori SAS (Rubrica “Gradische le dische?”)

HO PERSO IL CONTO- Rossano

AMARA- Enzo Carella (Rubrica “Muschio sul cancello del giardino abbandonato”)

MALAMORE- Enzo Carella (Rubrica “Muschio sul cancello del giardino abbandonato”)

PARIGI- Enzo Carella (Rubrica “Muschio sul cancello del giardino abbandonato”)

Il nostro approfondimento: "Barbara e altri Carella", del 1979

Il nostro approfondimento: “Barbara e altri Carella”, del 1979

Share : facebooktwittergoogle plus

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI! p. 7 con il Giaccio- Il podcast!

PUNTATA 7- 23 gennaio ‘17

in studio Andrea Kappa Caponeri e  GianMarco Giaccio Fusari

E quando torna a prendere il suo posto il Giaccio, non può che venir fuori una puntata da collezione, a maggior ragione perché si è sviscerato un album che, comunque la si metta, marchierà a fuoco questo 2017, vale a dire “L’amore e la violenza”, il settimo disco dei Baustelle, un lavoro che, a volerlo sintetizzare in due parole, irrita e irretisce. Ma che si deve ascoltare.

La cover del disco della settimana

La cover del disco della settimana

Nella prima parte della puntata ne abbiamo ascoltato 3 pezzi, intervallandoli con la prima e unica “Amanda Lear” registrata nel 2005 dal buon Giaccio, che, da signore, ha rinunciato elegantemente a sporgere querela contro Bianconi e Co.

E poi tante altre cose di grande valore, come il ritorno alla discografia di Juri Camisasca insieme a Rosario Di Bella, che i due Sprassolati hanno ammirato dal vivo a Roma qualche giorno prima, un Concato che gioca in casa e rilegge Chico Buarque De Hollanda, un Branduardi che invece rilegge se stesso in francese.

Mino Di Martino in una foto d'epoca

Mino Di Martino in una foto d’epoca

In mezzo a tutto ciò, una vaccata immane come un singolo dell’84 di Camerini, una curiosità della compianta Giuni Russo e una cosa abbastanza sconcertante come Mino Di Martino, a testimonianza di quanto Battiato sia stato, oggi come ieri, seminale.

 

SCARICA PARTE 1:

http://www.mediafire.com/file/bc9uop7j7h8dlmm/SPRASSOLATI%2C_STAG.10%2Cp.07_%28con_Giaccio%29%2C_pt.1.mp3

SCARICA PARTE 2:

http://www.mediafire.com/file/v67uxej23peuzvo/SPRASSOLATI%2C_STAG.10%2Cp.07_con_G.Fusari_pt.2.mp3

 

SCALETTA PARTE 1

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

PACE- Juri Camisasca e Rosario Di Bella

MATTO- Ivano Fossati

BETTY- Baustelle (Rubrica “Gradische le dische?”)

BASSO E BATTERIA- Baustelle (Rubrica “Gradische le dische?”)

AMANDA LEAR- GianMarco Giaccio Fusari (demo 2005)

IL VANGELO DI GIOVANNI- Baustelle (Rubrica “Gradische le dische?”)

 

SCALETTA PARTE 2

TUTTO IL SENTIMENTO- Fabio Concato (rubrica “Cover the rainbow” da C.B De Hollanda)

PIZZA BREAK- Alberto Camerini (Rubrica “Luci e Ombre”)

LE DON DU CERF- Angelo Branduardi

BASTA CON LA MUSICA GIOVANE PER I GIOVANI- Mino Di Martino (Rubrica “Era un uomo così, ma con delle possibilità”)

ILLUSIONE- Giuni Russo

La "copertina" del demo giaccesco con la prima e unica "Amanda Lear"

La “copertina” del demo giaccesco con la prima e unica “Amanda Lear”

Share : facebooktwittergoogle plus

LA CITTA’ SONORA, p.4- ART BLAKEY’S JAZZ MESSENGERS live a UJ’76 (il podcast!)

PUNTATA 4- 21 gennaio ‘17

ART BLAKEY’S JAZZ MESSENGERS

Live a Umbria Jazz ‘76

Orvieto, P.zza del Popolo, 20 luglio 1976

Art Blake's durante l'esibizione orvietana

 

SCARICA: 

http://www.mediafire.com/file/68mpi8mrza78h3y/CITTA%27_SONORA%2CSTAG.10%2Cp.04-_ART_BLAKEY%27S_JAZZ_MESSANGERS.mp3

Come promesso presentando la puntata precedente, dedicata a Horace Silver, ecco l’esibizione dell’Art Blakey’s Jazz Messengers, che chiuse da par suo quella mirabile serata del 20 luglio ’76 quando nella splendida P.zza del Popolo di Orvieto si susseguirono uno dopo l’altro Cedar Walton, Horace Silver e Art Blakey, insomma l’Università dell’hard bop. Senza contare che gli ultimi due dello storica formazione dei Jazz Messengers erano stati i fondatori, e che il primo (la cui esibizione trasmetteremo a fine stagione) ci era transitato…

Un altro momento dell'esibizione di Art Blakey

Un altro momento dell’esibizione di Art Blakey

Impossibile non essere presi dalla nostalgia (per chi c’era) o dal rimpianto (per chi non ha fatto in tempo ad esserci). E’ vero, ora Orvieto ospita Umbria Jazz Winter, ma, se mettiamo uno a fianco all’altro i rispettivi cartelloni, non possiamo che riconoscere che il confronto è davvero umiliante.

 

FORMAZIONE

Bill Hardman, tromba

David Schnitter, sax

Mickey Tucker, piano

Cameron Brown, basso

Art Blakey, drum

 

SCALETTA:

1. Backgammon 00:00

2. Uranus 13:09

3. Blues March 23:40

4. All The Things You Are 33:20

5. Gipsy Folk Tales 39:00

Tipico pubblico anni 70

Tipico pubblico anni 70

 

Jazz & Pennichella

Jazz & Pennichella

Share : facebooktwittergoogle plus

1 2 3 124